Gio07022020

Last updateGio, 31 Gen 2019 12am

box 2019 2

Back Sei qui: Home Rapporto agenzia Rapporto di agenzia News Il mondo degli agenti e la necessità di una rivoluzione copernicana

Il mondo degli agenti e la necessità di una rivoluzione copernicana

rivoluzione economica

Prendo come punto di partenza le parole del vicepresidente vicario Gianni Di Pietro in merito al cambiamento operativo dell'agente di commercio.

Ormai stiamo vivendo una situazione sociale e lavorativa fortemente dinamica che costringe ad adattamenti quotidiani oltre a richiedere, per una apprezzabile aspettativa di successo, idee nuove tali da anticipare l'evoluzione del momento.

Sotto l'aspetto commerciale ed economico l'evoluzione dei mercati si configura particolarmente veloce ed evidente ed è qui che un'idea innovativa può trovare successo.

Oggi la collocazione dei prodotti sul mercato è rimessa alla rete vendita degli agenti di commercio, i quali nella mera esecuzione delle disposizioni aziendali, non rivestono alcun ruolo attivo di natura progettuale nella conclusione dell'affare. 

E' necessaria dunque una vera rivoluzione che possa scardinare regole e comportamenti consolidati ed ormai obsoleti per il momento attuale, introducendo nuovi principi idonei a costruire modelli commerciali innovativi e coordinati con le odierne necessità dei mercati. Nasce quindi questa idea che consente di elevare la persona dell'agente ad un qualificato soggetto che intraprende una valida sfida imprenditoriale. Supportato dalla passione, l'agente gestisce e coordina un network di aziende sotto l'aspetto dell'offerta e della domanda, con caratteristiche progettuali ad alto livello, seguendo tutto l'iter destinato alla conclusione dell'affare.

La mandante non sarà più il fulcro dell'operazione di vendita,  che troverà invece la figura di riferimento nella nuova professionalità dell'agente, con particolare attenzione alle attività di consulenza  che quest'ultimo andrà a fornire mettendo a disposizione la insostituibile conoscenza del territorio di cui dispone, esperienze sino ad oggi lasciate inutilizzate dalle aziende.

Questo comporta necessariamente una estrema qualificazione professionale dell'agente di commercio, non più destinato a convincere il cliente a comprerare un prodotto alle condizioni imposte dalla mandante, bensì un professionista qualificato che interviene presso l'azienda per indirizzarla sotto gli aspetti qualitativi ed economici richiesti dal mercato in quel momento.

 

Domenico Marsella