Gio08182022

Last updateGio, 31 Gen 2019 12am

box 2019 2

Back Sei qui: Home Previdenza Previdenza News INPS Inps, indennizzo cessazione attività (2)

Inps, indennizzo cessazione attività (2)

Inps 6

L'\INPS attiva le procedure pe rl'indnenizzo della cessazione dell'attività.

L'INPS solo a fine maggio, dopo aver ricevuto il consenso dei ministeri competenti, ha potuto diramare a tutte le sedi periferiche le istruzioni per la concessione dell'Indennizzo per la Cessazione anticipata dell'Attività per commercianti e agenti di commercio, prorogato con la legge di stabilità di fine anno.
I dettagli di questa legge sono stati riportati nel precedente UsarciNotizie Magazine e a questo rimandiamo coloro che sono interessati. Parliamo degli agenti di commercio che hanno cessato o cesseranno definitivamente l'attività dopo il compimento dell'età di 62 anni per gli uomini e 57 per le donne, nel periodo 1° gennaio 2009 - 31 dicembre 2016.



La nuova legge interessa quindi:
- coloro che compiranno l'età di 62 anni o 57 per le donne fino al 2016.
- coloro che hanno compiuto l'età nel periodo 1 gennaio 2009 - 31 dicembre 2011 che hanno presentato domanda dopo il termine previsto del 31.12.2012 e che gli è stata rigettata.
- coloro che, in possesso dei requisiti, non hanno richiesto l'indennizzo nel periodo dal 1° gennaio 2012 al 31 dicembre 2013 perchè la legge del 2009 era scaduta. Questi possono presentare domanda e l'indennizzo verrà però corrisposto solo a decorrere dal mese successivo alla presentazione della domanda;
- coloro ai quali era stato sospeso l'indennizzo al compimento dell'età massima di 66 anni e 6 mesi per gli uomini e 61 e 6 mesi per le donne. Per questi soggetti l'indennizzo verrà prorogato fino a tutto il mese in cui i beneficiari compiono le età pensionabili introdotte dal 1° gennaio 2012.
Gli uffici periferici INPS dovranno attivarsi e dare risposta a tutte le domande già pervenute dopo il 1° gennaio 2014, indipendentemente dal modello utilizzato dagli interessati.
Qualora le domande fossero state già rigettate, gli uffici devono provvedere ad un riesame e qualora risultassero accoglibili, la prestazione dovrà essere liquidata dal mese dopo la presentazione della domanda stessa.
Consiglio gli interessati di provvedere con la massima urgenza a presentare le domande di indennizzo e anche quelle di proroga con i modelli disponibili sul sito INPS.it, o di chiedere assistenza alle sedi Usarci provinciali.
Io posso fornire ulteriori informazioni scrivendo all'indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Federico Rossetto