Mar11192019

Last updateGio, 31 Gen 2019 12am

box 2019 2

Back Sei qui: Home Previdenza Previdenza News INPS Indennizzo INPS per cessazione attività

Indennizzo INPS per cessazione attività

INPS
Se un agente di commercio è costretto a cessare l'attività dopo il compimento dei 62 anni e prima di maturare il diritto alla Pensione di Vecchiaia, può richiedere all'INPS l'Indennizzo per Cessazione Anticipata Attività.
L'indennizzo, che consiste in un assegno mensile di circa 500 euro, è corrisposto dal mese successivo alla presentazione della domanda e fino al raggiungimento del diritto alla Pensione di Vecchiaia.
 
Quest'ammortizzatore sociale è stato introdotto per i Commercianti al dettaglio ed esteso poi anche agli Agenti di commercio nel 1996 e, dopo vari rinnovi, attualmente è stato prorogato fino al 31 dicembre 2016 ed è regolato dalla legge n° 2-2009 modificata dalla successiva legge 147-2013 comma 490.
Nonostante siano già trascorsi quasi 20 anni dalla sua prima introduzione, questa possibilità non è molto conosciuta ed è poco utilizzata dagli agenti di commercio, è quindi utile ricordare quali sono i requisiti richiesti.
 
Gli interessati devono aver compiuto, prima di cessare l'attività, l'età di 62 anni, se uomini, o 57 anni se donne. Gli agenti di commercio, come i commercianti, devono cancellarsi dal Registro delle Imprese e non svolgere più alcuna attività commerciale o di lavoro. Può presentare domanda chi è iscritto alla Gestione Commercianti Inps da almeno 5 anni. L'indennizzo è corrisposto anche a chi gode già di altri trattamenti pensionistici, ad esempio, la pensione Inps di anzianità.
Per il periodo dell'indennizzo maturano anche i contributi figurativi ai fini del conseguimento della Pensione di Vecchiaia o di quella Anticipata; lo ha precisato una recente informazione giunta dagli uffici Inps.
 
All'agente che si trova nella necessità di cessare l'attività in prossimità del compimento dei 62 anni, o 57 per le donne, consiglio di consultare gli uffici Usarci per valutare assieme come e quando cessare definitivamente. Posticipare la cessazione per qualche mese, fino al conseguimento dei 62 anni (57 per le donne) potrà essere utile per conseguire il diritto all'Indennizzo. 500 euro al mese non sono molti ma potranno essere d'aiuto in certe situazioni.
 
Federico Rossetto
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.