Gio08182022

Last updateGio, 31 Gen 2019 12am

box 2019 2

Back Sei qui: Home Previdenza Previdenza News INPS Artigiani e commercianti, i contributi INPS per il 2015

Artigiani e commercianti, i contributi INPS per il 2015

INPS
 
Continua senza sosta il graduale innalzamento delle aliquote contributive, disposto dalla manovra "Monti-Fornero" nei confronti degli iscritti alla gestione "artigiani ed esercenti attività commerciali". Per quest'anno, in particolare, l'aliquota ammonta al 22,65% per gli artigiani e al 22,74% per i commercianti.

Percentuali, queste, che si dimezzano qualora si riferiscano a soggetti con un'età anagrafica superiore a 65 anni, già pensionati presso la gestione artigiani e commercianti dell'INPS.
Inoltre, è bene tenere presente che, già dall'anno 2013, l'INPS non invia più le comunicazioni contenenti i dati e gli importi utili per il pagamento della contribuzione dovuta, in quanto le medesime informazioni possono essere facilmente prelevate, a cura del contribuente o di un suo delegato, tramite l'opzione, contenuta nel Cassetto previdenziale per artigiani e commercianti, "Dati del mod. F24". Attraverso tale opzione è possibile, inoltre, visualizzare e stampare in formato pdf il modello da utilizzare per effettuare il pagamento.

Riforma Monti-Fornero
L'incremento contributivo (pari al 22,20% per l'anno 2014) trae origine dall'art. 24, c. 22 della riforma "Monti-Fornero" (L. n. 214/2011), la quale ha stilato una tabella di marcia che prevede annualmente – dal 1° gennaio 2012 - aumenti dello 0,45 punti percentuali, fino a raggiungere a regime il 24%.
Il minimale
Alla luce delle suddette aliquote contributive, il contributo minimale dovuto, per l'anno 2014, ammonta a: 3.529,06 euro (artigiani) e 3.543,05 (commercianti). Se parliamo invece di coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni, l'importo dovuto è pari a: 3.062,62 euro (artigiani) e 3.076,61 euro (commercianti). Resta fermo che per periodi inferiori all'anno solare, il contributo sul "minimale" va riportato a mese.
Reddito eccedente il minimale
L'aliquota contributiva va calcolata sulla totalità dei redditi d'impresa prodotti nel 2014 per la quota eccedente il minimale di € 15.548 annui e fino al limite della prima fascia di retribuzione annua pensionabile pari, per il corrente anno, all'importo di € 46.123.
Qualora il lavoratore superi il predetto limite, dovrà corrispondere un punto percentuale in più, ai sensi dell'art. 3-ter della L. n. 438/1992.
Il massimale
Quanto al reddito annuo massimale entro il quale sono dovuti i contributi IVS, l'INPS specifica che questi ammontano, per quest'anno, a 76.872 euro. Al riguardo, si rammenta che tale limite opera esclusivamente per i soggetti iscritti alla Gestione "artigiani e commercianti" con decorrenza anteriore al primo gennaio 1996 o che possono far valere anzianità contributiva a tale data. Infatti, per i lavoratori privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, iscritti con decorrenza gennaio 1996 o successiva, il massimale annuo è pari a € 100.324; tale massimale non è frazionabile in ragione mensile.
Contribuzione a saldo
Con l'occasione, l'INPS tiene a ricordare che il contributo IVS dovuto da artigiani e commercianti:
- è calcolato sulla totalità dei redditi d'impresa denunciati ai fini IRPEF (non soltanto su quello derivante dall'attività che dà titolo all'iscrizione nella gestione di appartenenza);
- è rapportato ai redditi d'impresa prodotti nello stesso anno al quale il contributo si riferisce (quindi, per i contributi dell'anno 2015, ai redditi 2015, da denunciare al fisco nel 2016). Pertanto, qualora la somma dei contributi sul minimale e di quelli a conguaglio versati alle previste scadenze sia inferiore a quanto dovuto sulla totalità dei redditi d'impresa realizzati nel 2015, è dovuto un ulteriore contributo a saldo da corrispondere entro i termini di pagamento delle imposte sui redditi delle persone fisiche.
 
Termini e modalità di versamento
Gli appuntamenti 2015 che interessano gli artigiani e commercianti sono: 16 maggio, 20 agosto, 17 novembre 2014 e 16 febbraio 2016. Tali scadenze valgono per i contributi dovuti sul minimale di reddito; mentre per la quota di reddito eccedente il minimale, la scadenza segue il termine per il pagamento delle imposte sui redditi delle persone fisiche, a titolo di saldo 2014, primo acconto 2015 e secondo acconto 2015.

Marco Vantini dottore commercialista

Usarci Verona
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.