Mar08212018

Last updateGio, 05 Lug 2018 12am

box 2018 03

Back Sei qui: Home Previdenza Previdenza News ENASARCO

Premi studio

enasarco 2

Per supportare gli studenti che nel 2017 hanno conseguito il diploma o la laurea, la Fondazione bandisce un concorso annuale per l'assegnazione di 1.231 contributi.

A chi spetta?

-  Ai figli di agenti e pensionati Enasarco;

- agli orfani di agenti e pensionati Enasarco;

- agli agenti in attività.

I partecipanti devono aver conseguito il diploma o la laurea, con un voto finale di almeno:

7/10 (licenza media);

70/100 (maturità);

100/110 (laurea 1° livello);

100/110 (laurea specialistica).

Requisiti

Alla data del conseguimento del diploma è necessario avere i seguenti requisiti:

Agenti in attività: avere un conto previdenziale, incrementato esclusivamente da contributi obbligatori, con un saldo attivo al 31/12/17 di almeno 3.097,50 euro e un'anzianità contributiva complessiva di almeno cinque anni (di cui 2015, 2016 e 2017 consecutivi, per un totale di 12 trimestri).

Figli di agenti in attività: l'agente deve avere un conto previdenziale incrementato esclusivamente da contributi obbligatori, con un saldo attivo al 31/12/17 di almeno 3.097,50 e un'anzianità contributiva complessiva di almeno cinque anni (di cui 2015, 2016 e 2017 consecutivi, per un totale di 12 trimestri); i figli devono inoltre essere fisicamente a carico egli iscritti alla data del conseguimento del diploma.

Figli di pensionati: essere fisicamente a carico di pensionati Enasarco alla data del conseguimento del diploma.

Essere orfani di agenti con un'anzianità contributiva complessiva di almeno due anni, se il decesso è avvenuto in presenza di un mandato di agenzia attivo; per decessi avvenuti dopo la cessazione dell'attività, è necessaria un'anzianità contributiva complessiva di almeno cinque anni.

Essere orfani di pensionati Enasarco.

Essere titolare di un valore ISEE non superiore a 31.898,81 euro.

Quanto spetta

  • 450 premi da 100 euro ciascuno (licenza media);
  • 400 premi da 500 euro ciascuno (maturità);
  • 200 premi da 700 euro ciascuno (Laurea di 1° livello);
  • 180 premi da 1.000 euro ciascuno in favore degli agenti (laurea di 2° livello);
  • 1 premio da 5.000 euro, (corsi di specializzazione/master post lauream in materie attenenti gli scopi istituzionali della Fondazione).

Come richiedere il contributo

Il modello per la richiesta è disponibile nel box "Documentazione" in calce alla pagina e presso gli uffici della Fondazione. Si può scegliere di inviare la documentazione tramite: 

  • posta elettronica certificata PEC all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  oppure
  • raccomandata A/R a: Fondazione Enasarco  - Servizio Prestazioni/PIF - Via A. Usodimare 31, 00154 Roma.

Documentazione 

Coloro che richiedono la prestazione dovranno allegare la seguente documentazione:

  • copia del certificato del titolo di studio conseguito;
  • modello ISEE valido al momento della presentazione della domanda;
  • copia del documento di identità valido del richiedente.

Scadenza

Il contributo deve eseere richiesto entro il 30/04/2018, pena la decadenza del diritto.

Graduatoria e assegnazione

Sulla base delle domande pervenute sarà stilata una graduatoria che verrà pubblicata nel sito enasarco.it 

Fonte: Enasarco

 

Modifiche al regolamento Enasarco

enasarco 2

Dal 1° gennaio 2018 verranno apportate ulteriori modifiche al Regolamento Enasarco non solo per rispondere all'esigenza di garantire la stabilità di lungo periodo senza diminuire l'efficacia della tutela previdenziale per la categoria degli agenti di commercio, ma anche con incentivazione all'inserimento di nuovi giovani agenti.

Come noto la previdenza integrativa Enasarco è alimentata dai soli contributi versati da agenti e preponenti e non beneficia e mai ha beneficiato di oneri a carico dello Stato.

Le novità del Regolamento 2018 sono:

- Con l'art. 5 bis viene introdotto un regime contributivo triennale agevolato per gli iscritti nel periodo 2018-2020 che abbiamo un'età inferiore o uguale a trent'anni al momento dell'iscrizione. Nello specifico l'aliquota contributiva totale, cioè sia quella a carico dell'agente sia quella a carico della preponente, viene ridotta del 6% il primo anno, dell'8% il secondo anno e del 10% il terzo anno e il minimale contributivo è ridotto del 50% per ciascuno degli anni solari di riferimento. Questa iniziativa ha ovviamente lo scopo di favorire l'accesso e la permanenza dei giovani nella categoria degli agenti di commercio.

- Con l'art. 13, co 1 lett c viene determinato un nuovo metodo di rivalutazione del montante contributivo che tiene in considerazione la variazione effettiva tra entrate per contributi e la spesa per pensioni e la raffronta con la variazione del Prodotto Interno Lordo. Al contempo viene eliminato il rendimento minimo dell'1,5 ma garantito comunque con tasso di capitalizzazione che non può essere negativo.

- A seguito della sentenza della Corte Costituzionale n 174/2016 viene abrogato l'art 25, co 3 che prevede riduzioni a carico del coniuge superstite nel caso di elevata differenza di età tra questi e l'agente deceduto.

- Con l'art 29, co 2 viene modificato l'indice per la perequazione automatica delle pensioni a partire dal 2017 che si allinea al metodo già applicato dall'INPS.

- Con gli art 44 co 3 e art 46 co 1 vengono eliminati i riferimenti al Comitato Esecutivo non più presente nell'attuale Statuto.

 

 

Enasarco, comunicazione online di conferimento o cessazione di mandato

enasarco copiaEntro 30 giorni successivi alla data di conferimento di un mandato di agenzia la ditta mandante deve darne comunicazione attraverso l'area riservata su inEnasarco.it

Tra le operazioni da effettuare, anche quella di indicare se l'agente opera in forma individuale (persona fisica) oppure associativa specificando se società di persone o società di capitali. Tale differenziazione risulta di fondamentale importanza ai fini contributivi, dal momento che nel primo caso l'azienda effettua il versamento sul fondo Previdenza, nel secondo su quello Assistenza.

Si deve poi indicare se l'agente è mono o plurimandatario. L'agente monomandatario può operare per una sola ditta e ha divieto di avere contratti di agenzia con altre mandanti. Il plurimandatario può lavorare contemporaneamente con più ditte, ma non può assumere l'incarico di trattare per la stessa zona prodotti di altre aziende concorrenti (salvo diversa pattuizione delle parti).

La differenza tra mono e plurimandatario è fondamentale perché le due categorie sono assoggettate ad un diverso regime contributivo. Ecco perché eventuali modifiche contrattuali intervenute in corso di rapporto devono essere comunicate tempestivamente alla Fondazione sempre attraverso l'area riservata. Dall'elenco dei mandati, sulla riga dell'agente corrispondente, la ditta deve selezionare la lettera M (monomandatario) oppure P (Plurimandatario).

Nel caso di variazione della composizione e/o ripartizione societaria di soci illimitatamente responsabili di una società di persone già iscritta alla Fondazione - sia nei casi di subentro o recesso di un socio che di variazione delle quote di partecipazione - l'agente deve utilizzare l'apposita procedura online disponibile nella propria area riservata, entrando però nel profilo della società di cui fa parte. Ai fini contributivi, le modifiche della quota di partecipazione societaria avranno efficacia dal trimestre successivo a quello della relativa comunicazione alla Fondazione.

Se viene modificata la forma giuridica di società di persone e società di capitali, con codice fiscale invariato, è necessario inviare alla Fondazione il modello cartaceo 512/2013 (disponibile su www.enasarco.it).

Nel caso invece della cessazione del contratto di agenzia a terzi, occorre inviare il modello cartaceo 511/2103, anch'esso disponibile sul sito della Fondazione.

Per consentire una corretta imputazione dei contributi agli iscritti, tali variazioni devono essere tempestivamente comunicate alla Fondazione che potrà in tal modo provvedere all'aggiornamento degli archivi anagrafici. Il Regolamento delle attività istituzionali attualmente in vigore ha posto a carico dell'agente l'obbligo della comunicazione delle variazioni anagrafiche e societarie.

Anche per la cessazione del rapporto di agenzia, la ditta mandante è tenuta a darne comunicazione online all'Enasarco entro 30 giorni successivi alla data di chiusura, indicando con esattezza la data di cessazione. Come data di fine rapporto si intende l'ultimo giorno di collaborazione effettiva, incluso quindi l'eventuale periodo di preavviso.

Fonte dal sito Enasarco.it

La pensione Enasarco anticipata, un'opportunità

enasarco 2

L'attuale Regolamento Enasarco prevede il diritto dell'agente di richiedere l'assegno pensionistico di vecchiaia sulla base di un regime transitorio che per gli uomini cessa nell'anno 2019 mentre per le donne viene a concludersi nell'anno 2024.

Dal 2017 per gli agenti uomini e dal 2024 per le donne, è possibile chiedere l'anticipazione della pensione di vecchiaia, di uno o due anni, per chi ha compiuto almeno 65 anni di età e almeno 20 anni compiuti di anzianità contributiva, quando la somma tra gli anni compiuti di età angrafica e di anzianità contributiva risulti almeno pari a 90. 

In questo caso l'ammontare della pensione anticipata è ridotto, in maniera permanente, nella misura del 5% per ciascuno degli anni di anticipazione. Per fare un esempio, se un agente compie 65 anni nel 2018 e ha maturato almeno 25 anni di contributi (65+25=90) potrà chiedere la pensione anticipata di un anno e quindi una decurtazione del 5%, in quanto necessitano almeno 66 anni di età. Se invece il compimento dei 65 anni fosse nel 2019 la decurtazione è del 10% in quanto, gli anni richiesti sono 67.

La modifica del regolamento Enasarco risale al 2012 ma è solo da quest'anno che vi è questa importante novità che, si ritiene, vada presa in considerazione. Infatti, pur vero che la decurtazione del 5%, per un anno, o 10% per due anni, è permanente, ma è altrettanto vero che semplici calcoli matematici evidenziano la convenienza di usufruire di questa opportunità. Si ricorda che l'incasso dell'assegno pensionistico, Enasarco ma anche Inps, di vecchiaia o anticipata, non comporta necessariamente la cessazione dell'attività e non è neppure obbligatorio comunicarlo alle aziende rappresentate. Eventualmente lo si farà al momento della volontaria cessazione del rapporto, per il diritto all'indennità di clientela. 

Giancarlo Bonamenti

 

 

Enasarco, i risultati delle votazioni

enasarco 2

Per la prima volta, in settanta anni, gli iscritti all'ente di previdenza Enasarco, hanno avuto la possibilità di scegliere i delegati preposti ad eleggere il CdA Enasarco. 

Si è trattato di una tornata elettorale lunga ed impegnativa, che ha visto partecipare al voto 25.448 agenti e rappresentanti di commercio: l'11,34% (degli aventi diritto) e 814 imprese preponenti (pari all'1,66%).

AGENTI PER ENASARCO, costituita dalle sigle Usarci, Fnaarc, Fiarc, Fisascat, Anasf, è stata la prima lista: 13.556 voti e 21 delegati.

ADESSO BASTA (Ugl - Federagenti) ha totalizzato 8.645 voti e 14 delegati.

PER ENASARCO IL TUO WELFARE CON NOI DECIDI TU (Uiltucs - UIL): 2545 voti e delegati.

FILCAMS CGIL: 702 voti e 1 delegato.

 

 

 

Contributi Enasarco per nascita, adozione e maternità

enasarco 2

Le domande devono essere presentate entro un anno dall'evento.

L'assegno per nascita o adozione spetta a tutti gli agenti. 

L'importo è di 750 euro per il primo figlio, 650 euro per il secondo figlio e 500 euro per il terzo.

La richiesta va inoltrata esclusivamente online, attraverso l'area riservata inEnasarco o tramite un istituto di patronato.

da "Fondazione Enasarco"

 

Contributo per l'acquisto di libri scolastici per figli di Agenti

LIBRI SCOLASTICI

La Fondazione Enasarco eroga un importo di 100 euro per l'acquisto di libri scolastici per l'anno 2016/2017 per le scuole secondarie di primo e secondo grado.

L'assegno per libri scolastici spetta agli agenti e rappresentanti di commercio che abbiano almeno uno dei seguenti requisiti:

  • essere un agente in attività, alla data del 01/09/2016, con un conto previdenziale incrementato esclusivamente da contributi obbligatori che al 31 dicembre 2015 presenti un saldo attivo non inferiore a 3.063 euro e un'anzianità contributiva complessiva di almeno cinque anni di cui 2013, 2014, 2015 consecutivi (ovvero la somma dei trimestri corrispondenti);
  • essere titolare di una pensione diretta Enasarco;
  • siano titolari di un reddito familiare complessivo annuo lordo ai fini IRPEF anno 2015 non superiore a 39.069 euro.

Nel caso in cui entrambi i genitori siano iscritti alla Fondazione o vi sia la presenza di più figli studenti verrà erogato un solo contributo per nucleo familiare.

Le richieste dovranno essere inoltrate esclusivamente on line, mediante gli istituti di patronato o previo registrazione ai servizi riservati agli iscritti disponibili sul sito della Fondazione www.enasarco.it. Le domande presentate con modalità diverse non verranno considerate valide.

E' necessario allegare una copia dell'attestato di iscrizione all'anno scolastico 2016/2017 dello studente, rilasciato dalla struttura scolastica pubblica o privata; una copia del documento di identità in corso di validità del richiedente.

Il diritto alla prestazione decade qualora la stessa non venga richiesta entro il 16 ottobre 2016. Le domande inviate dopo tale data o prive della documentazione richiesta non saranno valutate.

Per il 2016 sono stati stanziati 591.000,00 euro come premio studio agli studenti meritevoli che abbiano terminato il proprio corso di studi nell'anno 2015 presso istituti  o università riconosciuti dallo Stato italiano, conseguendo uno dei seguenti titoli: diploma di scuola secondaria di 2° grado; laurea di primo livello o laurea specialistica.

Le richieste, redatte sull'apposito modulo, dovranno essere inoltrate entro il 30 aprile 2016.

La Fondazione Enasarco ha stanziato 26.000,00 euro in favore degli studenti che abbiano discusso la tesi presso un'università statale o riconosciuta dallo Stato italiano, nel 2015. La tesi dovrà incentrarsi su studi e ricerche originali e su materie che interessino la professione di agente o la previdenza complementare.

Gli studenti dovranno aver conseguito una votazione non inferiore a 100/110 e le domande, complete di tutta la documentazione, dovranno essere inoltrate entro e non oltre il 30 giugno 2016.

 

Fonte: Enasarco

 

Enasarco, segnalazione recupero contributi

enasarco 2

Sono diverse le motivazioni che possono comportare la necessità di effettuare una segnalazione all'Enasarco per recupero contributi. La più significativa è quando, da una verifica presso la propria posizione previdenziale, l'agente si accorge che la ditta mandante non ha effettuato i regolari versamenti e che dopo le varie richieste di regolarizzazione da parte dello stesso agente la mandante rimane inadempiente. Ciò può accadere anche in pendenza di rapporto seppur meno frequente.

Va evidenziato che l'attività ispettiva copre un arco temporale massimo di cinque anni per cui i mancati versamenti precedenti sono prescritti.

Altro caso che si verifica con frequenza è quando un rapporto inizia come procacciatore d'affari ma che ha tutte le caratteristiche del rapporto di agenzia e che ha visto un notevole incremento di fatturato e clientela per merito di quell'intermediario. Succede che l'azienda, per un qualsiasi motivo, dà disdetta con effetto immediato approfittando del fatto che il procacciatore non gode né di preavviso né di indennità di fine rapporto. A quel punto il procacciatore (agente) si rivolge ad un legale o alla associazione sindacale e tra le varie azioni vi è anche la richiesta di visita ispettiva per la regolarizzazione Enasarco. Da sottolineare che gli ispettori Enasarco, se il rapporto è già cessato, non si occupano del mancato versamento Firr ma solo dei contributi previdenziali.

La richiesta di visita ispettiva può essere fatta in forma telematica come pure cartacea con apposito modulo, indicando le provvigioni maturate in pendenza di rapporto anche se non pagate.

L'ispettore Enasarco durante l'attività ispettiva è un "pubblico ufficiale" con diritto di esigere dalle ditte mandanti tutta la documentazione necessaria alle relative verifiche e in caso di omissione o rifiuto scattano specifiche sanzioni ancorché il fatto costituisca reato.

La richiesta di visita ispettiva può essere effettuata anche in forma anonima con l'ausilio della propria sede Usarci. Una volta ricevuta la richiesta, Enasarco comunica i dati essenziali quali il nome e il riferimento dell'ispettore e, ad ispezione avvenuta, Enasarco ne comunica l'esito direttamente all'agente. In ogni caso la richiesta di visita ispettiva si attiva quando altre strade sono rimaste prive di risultati concreti.

Rimane il fatto che abbiamo anche riscontrato comunicazioni di versamenti non veritieri e pertanto è importante che l'agente, almeno due volte l'anno sia a controllare la propria posizione per verificarne la regolarità. 

 

Massimo Azzolini

 

Elezioni Enasarco, come si vota

elezioniLa coalizione "Insieme per Enasarco" riunisce le principali organizzazioni di categoria di agenti e promotori (Fnaarc, Usarci, Fiarc, Anasf, FISASCAT-Cisl) e, in rappresentanza delle aziende, Confindustria, Confcommercio, Confesercenti e Confcooperative. I candidati - 54 per la lista “Agenti per Enasarco” e 27 per la lista “Imprese per Enasarco” - provengono da ogni parte d’Italia: Piemonte, Lombardia, Trentino Alto Adige, Veneto, Emilia Romagna, Liguria, Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

 COME SI VOTA

Enasarco, online il vademecum dei servizi

enasarco 2

E' stato pubblicato nel sito www.enasarco.it il Vademecum della fondazione Enasarco che raccoglie e spiega sinteticamente tutto quello che c'è da sapere sulla Cassa degli agenti e rappresentanti di commercio. Il volume comincia con un breve racconto sulla storia di Enasarco e passa poi in rassegna le prestazioni assistenziali, tecnicamente definite prestazioni integrative di previdenza: come è noto, infatti, Enasarco mette a disposizione dei propri iscritti in attività e in pensione un variegato welfare, cui gli agenti in possesso di alcuni requisiti contributivi di base accedono sostanzialmente a titolo gratuito. In questo modo è possibile beneficiare di una gamma di prestazioni che, rispetto al panorama previdenziale italiano, è tra le più complete e che viene annualmente aggiornata e disciplinata dal "Programma delle prestazioni integrative". Alcune di esse, come i soggiorni termali, sono conosciute e popolari tra gli iscritti; altre invece sono forse meno note ma altrettantoimportanti, in quanto destinate a venire incontro alle necessità che si presentano in particolari e delicate fasi della vita(contributi per maternità, per assistenza personale permanente, per soggiorni in case di riposo, l'assegno funerario) o che riguardano i figli (soggiorni estivi, borse di studio e premi per tesi di laurea).

Una parte importante delle prestazioni è rappresentata anche dalle forme di assistenza verso coloro che si trovano in situazioni di particolare difficoltà. Oltre alle erogazioni straordinarie, concesse per stati di grave bisogno economico, sono infatti previste diverse forme di aiuti destinati alle fasce più deboli. Grazie alle apposite convenzioni stipulate dalla Fondazione, agenti e pensionati possono inoltre usufruire di una polizza sanitaria in caso di malattia o infortunio e di condizioni particolarmente vantaggiose per mutui fondiari per l'acquisto della propria casa. In sintesi, il Vademecum fotografa la situazione attuale delle prestazioni oggi offerte. 

da "Fondazione Enasarco"

 

Minimali e massimali 2016

enasarco 2

Per l'anno 2016, gli importi dei minimali contributivi e dei massimali provvigionali resteranno invariati rispetto a quelli del 2015 che riportiamo di seguito.

Plurimandatari    

Minimale 418,00€  Massimale 25.000€

Monomandatari

Minimale 836,00€  Massimale 37.500€

Agente plurimandatario 

  • il massimale provvigionale annuo per ciascun rapporto di agenzia è pari a 25.000 euro (contributo massimo per mandato pari a 3.775 euro);
  • il minimale contributivo annuo per ciascun rapporto di agenzia è pari a 418 euro.

Agente monomandatario

  • Il massimale provvigionale annuo per ciascun rapporto di agenzia è pari a 37.500 euro (contributo massimo per mandato pari a 5.662,50 euro);
  • il minimale contributivo annuo per ciascun rapporto di agenzia è pari a 836 euro.

Questi importi sono stati aggiornati dalla Fondazione Enasarco a seguito della pubblicazione, da parte dell'ISTAT, del tasso di variazione annua (pari a - 0,1% per il 2015) dell'indice generale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati.

Fonte: Enasarco

 

Enasarco, la prosecuzione volontaria

enasarco 2

Gli art. 9 e 10 del Regolamento Enasarco indicano le modalità per poter essere ammessi alla prosecuzione volontaria.

Si ricorda che per gli agenti che hanno iniziato l'attività prima del 1 gennaio 2012 è indispensabile maturare una anzianità contributiva non inferiore a 20 anni. Diversamente tutti i contributi vanno perduti. Infatti l'Enasarco nulla ha a che fare con l'Inps e pertanto non si possono sommare le relative contribuzioni. Va comunque evidenziato che, diversamente, per gli agenti che hanno iniziato l'attività successivamente al 31 dicembre 2011 se saranno a maturare almeno cinque anni di contribuzione, al compimento dei 67 anni otterranno una "rendita contributiva" proporzionata agli effettivi versamenti e anzianità contributiva.

Per chi ha iniziato prima del 2012 è frequente il caso di agenti che cessano l'attività ma non hanno raggiunto il minimo dei venti anni e quindi, se non pensano di riprendere l'attività, è opportuno che siano ad effettuare la richiesta di prosecuzione volontaria. Attenzione però al fatto che tale richiesta va effettuata, pena decadenza, entro il termine di due anni decorrenti dal 1° gennaio successivo alla cessazione dell'attività. Purtroppo abbiamo verificato che numerosi sono gli agenti che non tengono in considerazione questo limitato arco temporale e si rivolgono ai nostri uffici per l'assistenza ma fuori tempo massimo e in quel caso o riprendono l'attività o, come già detto, i contributi sono persi. E' comunque necessario aver maturato almeno cinque anni di contribuzione.

L'entità del contributo volontario annuo è calcolato sulla media delle provvigioni liquidate negli ultimi tre anni di contribuzione.

E' consigliabile la prosecuzione volontaria anche se si ipotizza una futura ripresa dell'attività, ciò per non perdere anni di contribuzione, anche se è bene sottolineare che in questo caso diventa a carico dell'agente quel 50% di quota parte dei contributi che, diversamente, sarebbe stata a carico della mandante, in caso di regolare svolgimento dell'attività.

Il diritto alla prosecuzione volontaria cessa comunque al raggiungimento dei requisiti validi per la pensione di vecchiaia.

Massimo Azzolini

 

Contributo asili nido per i figli degli Agenti (4)

ASILO NIDO 2L'Enasarco offre una prestazione integrativa finalizzata a supportare le famiglie con un figlio all'asilo nido. 

Enasarco, autonomia da salvare

costa gianroberto 1

Uscita dalla gestione diretta del patrimonio immobiliare, investimenti nell'economia reale, salvaguardia della "cassa" della Fondazione dalle più o meno celate pretese dell'Inps, massimo utilizzo delle potenzialità operative di un Cda e di un vertice per la prima volta non "designati" da associazioni e ministero del Lavoro ma espressione del voto di agenti e case mandanti. Una "svolta" statutaria e di partecipazione democratica figlia di una precisa volontà delle associazioni di categoria, che ora si confronta sul futuro della Fondazione con una visione di lungo termine e parte da una base solida rappresentata da: revisione statutaria, maggiore trasparenza, bilancio in attivo, sistema pensionistico stabilizzato, dismissioni degli immobili.

Sono ambiziosi gli obiettivi di Gianroberto Costa, neo presidente di Fondazione Enasarco, che resterà alla guida dell'ente che raggruppa circa 250mila agenti in attività per quattro anni. Un ente che si trova in mano un tesoretto di 7,2 miliardi, frutto dei contributi versati, che rappresentano i fondi per pagare, tra l'altro, le pensioni integrative degli agenti di commercio. 

Enasarco assicura oltre 125mila pensioni (per 942 milioni nel 2015) e 70mila liquidazioni del Firr, nonché l'assistenza agli iscritti e ai pensionati. "Siamo un unicum in Europa - spiega il presidente di Fondazione Enasarco - da preservare contro ipotesi di accorpamento all'Inps, che alcuni hanno ventilato e non garantirebbero certo la stessa efficacia ed efficienza offerta fino ad oggi: e, anzi, una simile integrazione avrebbe probabilmente solo lo scopo di colmare parte del disavanzo dell' Inps grazie al patrimonio costruito negli anni dalla Fondazione":

E proprio sul fronte della gestione del patrimonio si completa il percorso evolutivo di Enasarco. Infatti, se l'ente è stato determinante in città come Roma e Milano nella fase della ricostruzione e del boom economico svolgendo un ruolo fondamentale per la crescita del patrimonio edilizio, ora quel periodo è chiuso e, entro il 2017, cesserà la gestione diretta del patrimonio edilizio (prima della cura dimagrante del progetto Mercurio, avviato nel 2011, le unità immobiliari in proprietà erano 17mila, per l'83% a Roma, e ad oggi ne sono state vendute oltre 12.500) che verrà integralmente conferito a fondi di gestione e, di fatto, trasformato in asset più facilmente negoziabili.

La dismissione immobiliare lascerà il passo a nuove forme di investimento mirate a far crescere e a rilanciare il Paese puntando sull'economia reale. "Non case, ma infrastrutture, equity e Pmi - spiega Costa - sempre che si abbattano gli ostacoli normativi che tutt'ora esistono". Si tratta, peraltro, di una sfida per la quale serve una visione totalmente nuova e che potrebbe interessare tutti i fondi pensione. Le risorse disponibili delle Casse, sommate a quelle degli altri fondi pensione, ammontano a circa 250 miliardi di euro che potrebbero dare un buon contributo alla crescita e rimediare alla sottocapitalizzazione cronica delle imprese italiane. "Basti pensare - aggiunge il presidente di Fondazione Enasarco - che gli enti previdenziali privati italiani investono solo il 4% delle loro risorse per lo sviluppo economico del Paese, mentre all'estero i modelli sono decisamente diversi. E se Enasarco arriva al 6% poco cambia. Al momento i vincoli per gli investimenti sono stringenti e non è concesso alle Casse investire direttamente nel mondo produttivo. Ma in futuro vorremmo concordare con governo e Parlamento proprio questo cambio di rotta".

Si tratta, quindi, di mettere in campo una nuova visione, che porti ritorni da un lato e nuovi capitali dall'altro: Enasarco può diventare un partner dello Stato per investire nelle grandi reti e nelle infrastrutture strategiche. E, per questa via, può svolgere una funzione-chiave per il Paese e, insieme, garantire al meglio le pensioni. Si tratta di proseguire sulla strada della messa in sicurezza dei conti ma, al tempo stesso, di puntare su innovazioni sostanziali, ponendo al centro l'accesso alla professione dei giovani e le potenzialità di investimento nell'economia reale garantite da un patrimonio di 7 miliardi di euro che servirà anche ad accompagnare il ricambio generazionale attraverso agevolazioni per i nuovi agenti e incentivi alle imprese per il conferimento dei mandati. Di fatto, un patto fra generazioni: più giovani al lavoro per assicurare la pensione a quanti già hanno maturato il diritto a goderla. 

Giorgio Costa

"Il Sole 24 ore"

 

Elezioni Enasarco. Funzioni, diritto e modalità di voto, liste elettorali.

enasarco 2

Per la prima volta nella storia di Enasarco, agenti e rappresentanti di commercio e case mandanti saranno chiamati a scegliere direttamente i nuovi organi di vertice della Fondazione.

Solidarietà alle vittime del terremoto

 enasarco 2

Il Presidente della Fondazione Enasarco, Gianroberto Costa, anche a nome del Consiglio di Amministrazione, esprime tutta la solidarietà e la vicinanza umana alle popolazioni delle province dell'Italia centrale colpite dal terribile terremoto.

La Fondazione assicurerà, come ha sempre fatto in altre situazioni emergenziali, il sostegno straordinario agli agenti e rappresentanti di commercio che operano e vivono nelle zone coinvolte.

In particolare, per gli agenti in attività e per i pensiionati Enasarco residenti nei Comuni per i quali sia stato dichiarato lo stato di emergenza e che abbiano subito danni materiali o eventi luttuosi, sono previste erogazioni fino a 8.000 euro (non cumulabili) per danni a beni mobili (autovetture, dotazioni tecniche, beni strumentali) o immobili (abitazioni od uffici); fino a 14.000 euro (non cumulabili) nell'ipotesi di decesso dell'agente, del coniuge o di ascendenti o discendenti in linea diretta.

Tutti gli iscritti residenti nei Comuni colpiti che hanno subito danni in conseguenza del sisma, possono consultare la guida che riporta norme e requisiti per le Erogazioni Straordinarie.

Fonte: Enasarco

 

 

 

 

 

 

Mutui fondiari convenzionati

enasarco 2

La Fondazione Enasarco offre agli agenti e ai loro figli la possibilità di accedere a mutui fondiari agevolati.

A chi spetta il finanziamento?

Possono accedere ai mutui:

  • gli agenti iscritti alla Fondazione, per l'acquisto di una abitazione avente i requisiti fiscali di prima casa;

    gli agenti iscritti alla Fondazione che richiedano la concessione di un mutuo per l'acquisto di una casa per civile abitazione in località fuori della provincia di residenza o nella stessa provincia di residenza, qualora il richiedente o il coniuge siano proprietari, in questa, di altra casa di abitazione;

gli iscritti alla Fondazione che richiedano la concessione di un mutuo per l'acquisto di locali da adibire all'esercizio dell'attività;

i figli degli agenti iscritti, esclusivamente per l'acquisto della loro prima casa da adibire a dimora abituale. La concessione del mutuo è subordinata, qualora la Banca ne faccia richiesta, al rilascio di un impegno di garanzia da parte del genitore agente.

Si intendono agenti iscritti, le persone fisiche, le ditte individuali e le società di persone che risultino, alla data del 31 dicembre dell'anno precedente a quello in cui viene presentata la domanda, titolari di un conto previdenziale incrementato esclusivamente da contributi obbligatori, con una anzianità contributiva complessiva di almeno cinque anni di cui gli ultimi tre consecutivi e un saldo attivo non inferiore alla somma dei minimali contributivi relativi al quinquennio di riferimento.

Qual è la misura massima della concessione? 

Il tetto massimo annuo stanziato dalla Fondazione Enasarco è di 60 milioni di euro. Ciascun iscritto può chiedere:

  • 200.000 euro per l'acquisto di abitazione per uso proprio. Tale importo è elevabile a 250.000 nel caso di:

a) acquisto di un'unità immobiliare già conferita dalla Fondazione ai Fondi Enasarco 1 e 2 (come previsto dal Progetto Mercurio),

b) esercizio del diritto di prelazione per l'acquisto diretto dalla Fondazione di un'unità immobiliare (come previsto dal Progetto Mercurio);

  • 130.000 euro per l'acquisto di civile abitazione, oltre la prima casa;
  • 200.000 euro per l'acquisto di immobili destinati all'esercizio dell'attività. Tale importo è elevabile a 250.000 nel caso di:

° acquisto di un'unità immobiliare già conferita dalla Fondazione ai Fondi Enasarco 1 e 2 (come previsto dal Progetto Mercurio),

° esercizio del diritto di prelazione per l'acquisto diretto dalla Fondazione di un'unità immobiliare (come previsto dal Progetto Mercurio);

  • 200.000 euro per i figli degli agenti iscritti nel caso di acquisto di abitazione per uso proprio. Tale importo è elevabile a 250.000 in caso di:

° acquisto di un'unità immobiliare già conferita dalla Fondazione ai Fondi Enasarco 1 e 2 (come previsto dal progetto Mercurio),

° esercizio del diritto di prelazione per l'acquisto diretto dalla Fondazione di un'unità immobiliare (come previsto dal Progetto Mercurio);

  • 100.000 euro per la ristrutturazione.

Qual è la durata massima del finanziamento?

Mutuante e mutuatario possono stabilire liberamente durata, frequenza e numero delle rate di rimborso. Il limite massimo è di 25 anni.

Qual è la procedura?

Coloro che intendono richiedere un mutuo devono inoltrare domanda agli uffici della Fondazione. Il modulo può essere scaricato dal box documentazione. Va inviato con una copia di un documento di identità valido. Si può scegliere tra un invio

  • con posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.   oppure
  • con raccomandata A/R a: Fondazione Enasarco - Servizi Prestazioni -Ufficio Prestazioni Integrative - Via Antoniotto Usodimare 31, 00154 Roma.

Quali sono gli istituti bancari da contattare?

Gli istituti di credito convenzionati con la Fondazione Enasarco sono Banca Nazionale del Lavoro Banca Popolare di Sondrio.

Per tutte le informazioni di dettaglio rimandiamo alla lettura del Programma dei criteri per la concessione dei mutui.

Fonte:  Enasarco

 

A proposito di Enasarco...

 enasarco 2

Colgo l'occasione del "post elezioni" che hanno particolarmente coinvolto le varie sedi provinciali Usarci nella prima quindicina del mese di aprile per sensibilizzare la base associativa al voto, per soffermarmi su questa realtà istituzionale che caratterizza in forma unica la categoria degli agenti di commercio.

Infatti è bene evidenziare che gli agenti di commercio sono gli unici, credo al mondo, che hanno una doppia contribuzione previdenziale obbligatoria. Detta così parrebbe penalizzante, in realtà ciò non è. E' l'esatto contrario, la categoria degli agenti di commercio, non so se per merito o per la oggettiva evoluzione degli eventi, ha anticipato i tempi realizzando ormai da molti anni il cosidetto "secondo pilastro" cioè quella previdenza integrativa che altre categorie di operatori economici vorrebbero definire ma che ancora non sono riuscite a concretizzare.

L'Enasarco fu costituita negli anni '30 del secolo scorso, non a caso il suo iniziale acronimo era ENFASARCO Ente Nazionale FAScista Agenti Rappresentanti Commercio proprio per offrire una tutela previdenziale a questa realtà di intermediari commerciali le cui fila si ingrossavano sempre di più all'aumentare dello sviluppo delle relazioni industriali ed economiche in genere. Quando poi, nel 1966 divenne obbligatoria per tutto il comparto del commercio e quindi anche per gli agenti, la contribuzione previdenziale Inps si scelse di mantenere obbligatoria anche la contribuzione Enasarco in quanto coscienti che se fosse passata facoltativa molto probabilmente oggi l'Enasarco non esisterebbe più.

Mai va dimenticato che il 50% dei contributi sono versati dalle case mandanti e ciò è un grande ed importante beneficio per la categoria.

Oggi l'Enasarco è una realtà il cui patrimonio globale supera i sette miliardi di euro ed eroga oltre 120.000 pensioni. Ma proprio per la notevole struttura oggi assunta, questa istituzione deve essere gestita al meglio, per salvaguardare gli interessi attuali e futuri della categoria. Vanno considerati svariati fattori quali ad esempio la riduzione negli anni del numero globale di agenti attivi, si pensi in proposito che dall'apice dei 470.000 degli anni '60 e '70 siamo ora a circa 230.000 agenti in attività. Le ragioni sono note, la grande distribuzione, la delocalizzazione delle unità produttive, la iper competitività legata alla globalizzazione con la conseguente ricerca spasmodica dell'accorciamento della "filiera" tra produttore e consumatore e soprattutto la rivoluzione creata da Internet i cui effetti sono in atto e che certamente saranno a stravolgere tutto il mondo del lavoro nel suo complesso.

Enasarco, con il nuovo Consiglio di Amministrazione e con l'inedita Assemblea dei Delegati dovrà necessariamente stare al passo con i tempi e "cavalcare" le repentine innovazioni e trasformazioni della società in generale e della nostra categoria in particolare.

Non rimane quindi che un grande "in bocca al lupo" ai componenti del prossimo CdA per una gestione attenta e qualificata di questa "creatura" che ha già festeggiato 75 anni e che ancora tanto a lungo sarà certamente ad accompagnare la vita professionale della nostra categoria. 

Massimo Azzolini

 

Variazione aliquote e requisiti pensionistici

enasarco 2

Cambiano, con il nuovo anno, le misure delle aliquote contributive previste dal regolamento delle attività istituzionali Enasarco.

Per l'anno corrente il contributo previdenziale, a carico dei preponenti e degli agenti dovuto in misura paritetica, sarà pari al:

15,10% (12,50% previdenza e 2,60% solidarietà)

Per le imprese preponenti che si avvalgono di agenti operanti in forma di società di capitali il contributo 2016 seguirà i seguenti scaglioni:

Fino a € 13.000.000 - aliquota 4% (di cui 1% a carico agente)

Da € 13.000.001 a 20.000.000 - aliquota 2% (di cui 0,50% a carico agente)

Da € 20.000.001 a 26.000.000 - aliquota 1% (di cui 0,25% a carico agente)

oltre € 26.000.000 - aliquota 0,5% (di cui 0,2% a carico agente)

Pensioni Enasarco più flessibili

 enasarco 2

Gli Agenti di commercio fra qualche anno andranno in pensione di vecchiaia Enasarco tutti a 67 anni; servono pensioni più flessibili per chi è costretto a ritirarsi dal lavoro più giovane.

Il regolamento emanato dal Consiglio di Amministrazione dell'Enasarco a seguito delle imposizioni poste dalla Fornero a tutti gli Enti Previdenziali, compresi quelli privati, prevede che gli agenti andranno in pensione di vecchiaia tutti a 67 anni con quota 92, gli uomini dal 2019 e le donne dal 2024. Nel frattempo c'è un regime transitorio che prevede per tutti un'anzianità contributiva minima di 20 anni e, per gli uomini quote da 90 a 92 ed età dai 65 ai 67, per gli anni 2016/19; per le donne, invece, le quote vanno da 86 a 92 ed età da 63 a 67, per gli anni dal 2016 al 2024.

Dal primo gennaio 2017, grazie all'interessamento Usarci, è stata introdotta la possibilità di richiedere l'anticipazione della pensione di vecchiaia, di uno o due anni, per gli agenti che abbiano compiuto i 65 anni e abbiano almeno 20 anni di anzianità contributiva, quando la somma tra età e anzianità risulti almeno pari a 90. In questi casi la pensione sarà ridotta del 5% per ciascuno degli anni d'anticipazione.

La crisi economica di questi anni ha però prodotto dei forti guasti, imprevedibili solo qualche anno fa. Sono sempre più numerosi gli agenti anziani che sono costretti a cessare l'attività prima di aver raggiunto i requisiti ora richiesti per la pensione di vecchiaia.

Il mercato, sempre più selettivo, respinge gli Agenti meno giovani; a 60-65 anni, se un agente perde i mandati, non riesce più a trovare occupazione né come lavoratore autonomo né come dipendente. Molte sono le famiglie che rimangono senza reddito per anni prima che l'agente senza lavoro maturi i 65 o 67 anni che gli da diritto alla pensione.

E' quindi necessario, anche per la pensione integrativa Enasarco, prevedere una maggiore flessibilità, com'è richiesta per l'INPS dallo stesso presidente Boeri e a gran voce da tutti i sindacati.

A un agente di 62/63 anni d'età che abbia un'anzianità contributiva di almeno 25/30 anni dovrebbe essere riconosciuto il diritto a una pensione/assegno Enasarco ridotto del 2-3% annuo, almeno per tutto il periodo che rimane senza alcuna occupazione.

Io credo che questo dovrebbe essere il primo problema da risolvere a favore degli agenti e che gli amministratori Enasarco, di fresca nomina, dovrebbero porsi come primario obiettivo. Verificheremo!

Federico Rossetto

 

Chiedi la rivalutazione delle tue pensioni!

 

Le pensioni INPS ed ENASARCO d'importo netto superiori a 1.088 Euro, per effetto della Legge Fornero del 2011, sono state bloccate e non sono state rivalutate negli anni 2012 e 2013 e successivi. Successivamente la Corte Costituzionale, con sentenza n° 70 del 2015, ha dichiarato illegittima la mancata rivalutazione.

L'INPS e gli altri enti previdenziali avrebbero dovuto, di conseguenza, aumentare la pensione mensile degli interessati e pagare a tutti gli arretrati del 2012, maggiorati degli interessi legali.

Il Governo, invece, ha aggirato la sentenza riconoscendo parziali rimborsi solo a chi superava globalmente (pensione di vecchiaia + pensione integrativa) tre volte la pensione minima netta (1.088 euro nel 2012 e 1.117 nel 2013). Proprio nessun rimborso è stato invece riconosciuto a chi superava di 6 volte la pensione minima.

Il secondo scippo è arrivato agli agenti dell'Enasarco che, da parte sua, ha applicato impropriamente il D.L. Fornero e anche la successiva decisione del Governo. Esistono fondati motivi per ritenere del tutto inapplicabile il Decreto Legge alle pensioni integrative, perché è stato emanato per la sola tutela del bilancio pubblico e non certo di quello privato come quello enasarco.

L'intera rivalutazione delle pensioni dal 2012 spetta a tutti coloro che godevano di una o più pensioni d'importo complessivo netto superiore a 1.088 Euro.

In previsione di ulteriori sentenze della Corte Costituzionale e nell'eventualità di una Class Action degli agenti, anche se sei pensionato ancora in attività, ti consigliamo di presentare una

Diffida

a entrambi gli enti, invitandoli a pagare la mancata perequazione e gli interessi legali.

Non indugiare e presenta le diffide prima che il tuo diritto vada in prescrizione.

Per scaricare i testi approntati da spedire a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno o PEC rivolgiti alla Segreteria Usarci a cui appartieni.

Fonte: Usarci Venezia