Gio01232020

Last updateGio, 31 Gen 2019 12am

box 2019 2

Back Sei qui: Home Formazione Formazione News Formazione professionale Collaborare o Competere o...

Collaborare o Competere o...

formiche

...Sono due "modus operandi" completamente diversi, come giocare a zona o a uomo, la destra e la sinistra, lo yin (nero) e lo yang (bianco).

Viviamo in una società che negli ultimi decenni ci chiede di essere performanti, sul lavoro, come uomini, genitori, nello sport.

Obiettivi, budget, target ci costringono a "spingere" sempre forte e sempre di più per arrivare in alto, e sempre più in là... ancora più in là.

Competere sembra essere la modalità più adatta a raggiungere tale scopo e noi agenti siamo abituati a competere: con il cliente, con la mandante, con l'agente mio concorrente, viviamo come in un mondo di "squali" in cui è necessario farsi largo per sopravvivere, trovare un proprio spazio, stare in cima alla catena alimentare.

Questo modello, oramai da anni si sta dimostrando fallimentare. In una realtà iper competitiva e globalizzata non possiamo essere bravi a fare tutto, siamo competenti, questo si, ma in alcuni aspetti, mentre il cliente esige l'eccellenza. Sempre.

Forse collaborare con quello che fino a ieri era il nostro competitor è l'unica strada per rimanere nel mercato, formare dei team di eccellenza dove ognuno è bravo in un settore specifico, come in un'orchestra in cui la sinfonia nasce da strumentisti capaci, soprattutto di suonare insieme, condividendo valori, mission, vision.

Non più quindi competere o collaborare ma collaborare per competere sembra essere la strada percorribile: l'unica?

 

Mauro Cason  

www.maurocason.it